Warmia Masuria Powiśle

Warmińsko-Mazurskie Voivodato (voivodato è l'unità più grande amministrazione in Polonia, a causa della divisione amministrativa del paese) si trova nella parte nord-est della Polonia. Si compone delle regioni storiche di Warmia, Masuria e Powiśle. Grazie alle qualità della sua natura, è riconosciuto come una delle zone più belle della Polonia.

Warmińsko-Mazurskie Voivodato

Warmińsko-Mazurskie Voivodato è la regione quarta più grande della Polonia con l'area di più di 24 000 km ².
Divisione amministrativa: 116 gmina, 19 poviats.
La capitale della regione: Olsztyn (la popolazione di più di 170 000.).
Altre città: Elblag (la popolazione di 130 000.), Elk (la popolazione di 60 000.)
Foreste: 29,7% del territorio,
I corpi d'acqua: 6% della superficie,
Terra coltivata: 54% della superficie

Warmińsko-Mazurskie Voivodato è abitata dalla popolazione di oltre 1,4 milioni di euro. La densità di popolazione è il più basso in Polonia, con 59 persone per un chilometro quadrato (Polonia - 122).

E 'la zona più etnicamente diversificata del paese con numerose minoranze nazionali: gli ucraini (circa 80.000), i tedeschi (20.000), i Rom, i bielorussi e gli altri
Terra coltivata prende il 54% della superficie del Voivodato, con il 33,4% dei seminativi, il 7,5% di pascoli e lo 0,1% di frutteti, mentre conto foreste per il 29,7% del totale.

Le condizioni naturali (un periodo di bassa vegetazione, terreno diversificazione configurazione e suolo) impostare l'agricoltura del voivodato è l'esigenza di un elevato livello di sviluppo territoriale e causare che i costi individuali di produzione agricola sono più alti con minore redditività rispetto ad altre regioni del paese.

Quasi tutte le aziende sono in mano a privati. La superficie media delle aziende agricole individuo è abbastanza grande ed è pari a 14 ettari, mentre la percentuale delle aziende più grandi di 20 ha (14,5%) oltrepassa decisamente media del paese. Corpi idrici del Voivodato di occupare 6. 0% della sua superficie, che rappresenta il 18,2% del totale delle acque della Polonia. Gestione della pesca svolge un ruolo importante nella regione e opera a tre livelli: gestione lago, stagno di gestione e gestione dei bacini. Sea pesca viene effettuata nelle acque della baia Vistola. Per quanto riguarda la scala del mercato è interessato, l'agricoltura regionale produce principalmente ed elabora le colture (79,4% del terreno agricolo) e patate (3,8%). Allevamento copre principalmente pollame, suini, bovini, cavalli e un numero piccolo di pecore.

Warmińsko-Mazurskie Voivodato, come una delle regioni più inquinate del paese, è coperto da polmoni verdi del programma Polonia. I principali settori dell'economia comprendono produzione alimentare sana, industria del legno, pro-ecologico gestione forestale, l'eco-turismo e produzione di pneumatici, macchinari e attrezzature con l'uso di tecnologie industriali puri e le fonti rinnovabili di energia.

I settori predominanti includono la produzione di alimenti e bevande (circa il 32,2% della produzione industriale venduta), mobili (circa il 14,3%), macchine ed apparecchi elettrici (circa il 4,3%), abbigliamento e capi in pelliccia (circa 1,6%). 42,5% della produzione del paese di merci gomma viene da Olsztyn, dove si trova un impianto pneumatico.

Con il PIL pro capite pari a 14.065 PLN Warmińsko-Mazurskie Voivodato colloca sotto la media del paese (19.430). Alla fine del 2002 è rimasto al livello del 72% della media polacca.

Warmińsko-Mazurskie Voivodato ha 110.390 soggetti commerciali registrati nel sistema REGON con la predominanza del settore privato, che rappresenta il 94%.
La produzione industriale venduti nella regione è di PLN 13,9 miliardi, che classifica l'area in undicesima posizione tra 16 voivodati. La quota del settore privato nella produzione industriale venduta è pari a 86%. Tra il numero complessivo di soggetti commerciali 76,3% stabilimenti sono gestiti da persone fisiche, 0,7% da cooperative e il 10,9% da società di diritto commerciale che le imprese statali rappresentano solo il 0,056% del totale.

Warmia e Masuria è la regione turistica di qualità notevole e per il tempo libero. E 'chiamata la terra dei mille laghi, anche se il loro numero dovrebbe essere raddoppiato.
I laghi più grandi sono Śniardwy (113,8 km ²) e Mamry (104,4 km ²), mentre quelle più profonde sono Wukśniki (68 m), Babięta Wielkie (65 m), Piłakno (56,6 m) e Ełckie Lago (55,8 m). Alcuni dei laghi, collegati da canali e fiumi, allungarsi per via d'acqua multikilometre, tra i quali il bene del voivodato è anche contribuito a boschi e foreste primordiali che occupano quasi il 30% del territorio e parchi, paesaggio, alloggi numerosi e riserve naturali più conosciuto uno è il canale Elbląski con il sistema di rampe che consentano ... viaggio terreno.

La ricchezza del voivodato è anche contribuito a boschi e foreste primordiali che occupano quasi il 30% del territorio e parchi, paesaggio, alloggi numerosi e riserve naturali.
La bellezza del paesaggio naturale è completo, grazie a strutture artificiali, vale a dire: ben conservare castelli gotici, chiese e palazzi. 16 su 100 monumenti iscritti nella lista di luoghi insoliti della Polonia, redatto da un quotidiano "Rzeczpospolita", si trovano in Warmia e Masuria. Le attrazioni turistiche far sì che la regione è visitata mediamente da 5 milioni di turisti all'anno con ogni uno quinti provenienti dall'estero. La regione offre più di 34 000 posti letto a disposizione.

Molti turisti sono attratti dai campi di Grunwald, dove nel 1410 i polacchi e gli eserciti alleati lituane sconfitto l'Ordine Teutonico. I anno per anno anniversari della battaglia sono celebrate con le prestazioni trasmettere lo spirito dei giorni passati e presentare la cultura cavaliere. Altre attrazioni, che già godono di un grande interesse per i turisti, sono le rovine del quartier generale militare della ex di Hitler in Gierloz vicino Kętrzyn così come il Museo degli edifici popolari in Olsztynek.

Regional Information
Area sq.km: 24,173
Population: 1,440,000 (2014) 
Member since: 2005
Recipes: 120
Business members: 142
© Copyright 1995-2017 European Network of Regional Culinary Heritage  |  Disclaimer  |  Cookies
Webproduction 2003-2017 Jonas Lindqvist, IT-Syd